Archivio di Novembre 2011

nuovo paesaggio della fede in Europa

venerdì, 4 Novembre 2011

Secondo lo studio di E. Biemmi, Il secondo annuncio, EDB 2011 p. 15 ss. il nuovo paesaggio della fede in Europa prevede:
1. Francia, Belgio, Paesi Bassi: espulsione della fede dal quadro culturale, fino a cancellare le tracce del cristianesimo. Il cattolicesimo in questi paesi sembra non far più parte de suo universo culturale. E’ una vera rottura nei riguardi della Chiesa e del cristianesimo, considerati nemici dell’uomo, della sua libertà, della sua realizzazione. I giovani non conoscono la proposta cristiana.
2. In Italia permangono larghe tracce di tradizione cristiana, anche se già segnate da un processo di secolarizzazione. Questo vale per la Spagna e il Portogallo e la Polonia, nelle quali ancora permane una memoria cristiana e una religiosità popolare
3. Nei Paesi dell’Est che hanno subito una lunga dominazione di cultura atea, la fede è stata conservata nella clandestinità, dentro le famiglie. Al momento della liberazione si è notato uno stemperamento della fede e la privatizzazione della fede,. con scarsa incidenza nella vita pubblica.
4. Germania dell’ Est, Svezia, Cecoslovacchia, Olanda manifestano una serena a-religiosità, resistente ad ogni sforzo missionario. E’ normale non essere religioso.