Archivio di Marzo 2009

24 marzo

lunedì, 23 Marzo 2009

Mentre ricordiamo il sacrificio di Mons. Arnulfo Romero (24 marzo 1980), vescovo di San Salvador, ucciso mentre celebrava la Messa nella sua cattedrale, il nostro pensiero va all’India, a Orissa, ma anche alle Filippine, Indonesia, Sudan, Irak, Nigeria… e perché passare inosservate le offese pubbliche di questi giorni al Papa che coraggiosamente insegna verità scottanti. È ancora tempo di persecuzione e di martirio per chi si professa cristiano, in diverse, troppe parti del mondo. Accogliamo le parole di suor Nirmala Joshi, l’erede di Madre Teresa di Calcutta, ai credenti di diverse religioni: «Deponiamo l’arma dell’odio e della violenza e indossiamo l’armatura dell’amore. Preghiamo e apriamo le menti a Dio» (Avvenire, 6.9.08).

il nostro piccolo contributo al sinodo

martedì, 17 Marzo 2009

SIGNORE GESU’ COME VUOI CHE SIA LA FAMIGLIA CRISTIANA DI OGGI?

Abbiamo affrontato questo argomento con grande gioia e gratitudine verso il Signore per il dono della famiglia all’umanità e alla Chiesa. La nostra parrocchia è formata da numerose giovani famiglie e può contare su buone famiglie cristiane, ma nello stesso tempo siamo preoccupati per le difficoltà che oggi la vita familiare sta vivendo: difficoltà economiche che impediscono ai giovani di metter su famiglia; il venir meno di una visione sacrale della famiglia stessa, il matrimonio sembra ormai diventato come una delle tante possibili modalità di convivenza; egoismo nei confronti dell’accoglienza della vita; incapacità di difendere l’unità della famiglia anche a costo di sacrifici; edonismo, individualismo, malinteso esercizio della libertà, difficoltà a trasmettere fede e valori ai figli, ecc.

  1. La nostra Parrocchia ha ricordato quest’anno trascorso il 50° di fondazione, quindi relativamente giovane. Attualmente conta 5000 famiglie di cui:
    • 1300 costituite da un solo componente
    • 1100 con due componenti
    • 1200 con tre componenti
    • 1000 con quattro componenti
    • il restante con più componenti

Attraverso un’indagine risulta che il 10% delle famiglie ha problemi di separazione, o matrimonio civile, o convivenza, o divorzio. La quasi totalità delle famiglie chiede per i figli i tre sacramenti della iniziazione cristiana con una buona frequenza al catechismo, mentre la partecipazione alla messa domenicale e alla vita della parrocchia è inversamente proporzionale.

  1. Abbiamo considerato le Famiglie sotto tre aspetti:

I) Come comunità di persone

II) Come cellula della società

III) Come cellula della Chiesa

1° – Comunità di Persone: La famiglia cristiana che nasce dal progetto di Dio amore e dal Sacramento istituito da Cristo, ha come suo primo compito: vivere fedelmente la realtà della comunione ad immagine del Dio Trinitario. Fondamento di tutto è quindi l’amore, senza il quale non esiste comunità, né comunione tra i coniugi, né amorevole e costruttivo rapporto educativo con i figli. L’amore diventa scuola di umanità e di fede e si apre alla vita, ai piccoli, agli anziani, ai malati; nella condivisione dei beni, delle gioie, sofferenze, responsabilità.
La famiglia, piccola chiesa domestica, è luogo ove si esercita il sacerdozio battesimale, è cammino di santità, è strada di salvezza. All’interno della famiglia, l’uomo e la donna hanno pari dignità e i figli devono essere visti, non come proprietà privata, ma come dono di Dio aiutandoli a scoprire la loro vocazione nella vita. Anche gli anziani devono trovare il loro ruolo specifico all’interno dei rapporti familiari.

2° – La famiglia inserita nella società: è importante che nella famiglia si viva la “gratuità”, l’accoglienza, il dialogo, la disponibilità disinteressata, il servizio generoso, la solidarietà cosi che divengano cittadini costruttori di una società migliore.

3° – La famiglia partecipa alla missione della Chiesa: tra i compiti fondamentali della famiglia cristiana, si pone il compito ecclesiale, essa, cioè, si pone al servizio della edificazione del Regno di Dio nella storia, partecipando alla stessa missione che Gesù ha affidato alla Chiesa. Come spesso il nostro Arcivescovo ricorda, la Famiglia cristiana vive la sua missione ecclesiale esclusivamente in riferimento a Cristo: Profeta, Sacerdote e Re. Cioè: famiglie cristiane credenti e evangelizzanti, famiglie cristiane in dialogo con Dio; famiglie cristiane a servizio degli uomini del nostro tempo.